SanBo non si ferma più (11 su 11). In vetta al Blu, appaiate Spinea e Alvisiana. In coda, successi di Vigo, Citta e Castello.

0
595

11 su 11! L’Atv San Bonifacio non si ferma più: prosegue la sua marcia imbattuta in vetta al girone Verde ed inizia ad intravedere già lo striscione del traguardo…

La formazione di Matteo Zappalà, che ha festeggiato nel migliore dei modi il suo 47° compleanno (auguri!), si è imposta per 65-58 anche a Lonigo su LeoBasket 98 nonostante la partenza ad handicap di 11-23 (tra i veronesi, Damiani 18 e Croce 15). Tengono il passo, seppur staccati di sei lunghezze, i veronesi del capoluogo: i Buster che si sono imposti per 60-54 nel derby sul campo della XXL Pescantina. Al terzo posto, invece, c’è ora un quartetto di squadre di cui tre padovane: King Service Mestrino, che venerdì sera nell’anticipo – come già scritto – aveva battuto la Kialab Araceli (66-60), ed il Nuovo Argine (Menardi 16, De Visini 11, Busatta e Meridio 10) che, invece, si è aggiudicato per 77-63 lo scontro diretto con Bc Solesino 1975, hanno agganciato proprio i solesinesi ed il Cus. Quest’ultima, di fronte una splendida cornice di pubblico, è uscita sconfitta per 68-65 nel derby cittadino con l’Usmi ricco di colpi di scena: gli universitari (Clemente 13, Berto 12) sembravano poter prendere l’abbrivio giusto nel primo tempo toccando le dieci lunghezze di vantaggio ma subivano la rimonta dei padroni di casa che, dopo essere andati al riposo sul -3, mettevano la freccia del sorpasso nella ripresa fino a toccare a loro volta un margine in doppia cifra a tre minuti dal termine (capitan Francesco Turi, nella foto, 14 e Viberti 11 entrambi con 9 rimbalzi, l’ex Hueber 13), subivano la veemente rimonta del Cus che tornava avanti nell’ultimo minuto, ma uscivano vincitori grazie ai “viaggi” in lunetta. Nel girone, la Pro Pace Crm (Viaggi 21, Sandrin e Garbo 13, Pagliari 11) ha vinto più agevolmente per 87-66 l’altro derby padovano con il Redentore Este (Guarini Riccardo 12); è tornata alla vittoria pure la settima ed ultima padovana, Vigodarzere (Tognon 10) che non vinceva dall’esordio ed è ora guidato da Stefano De Nicolao, per 61-49 nello scontro di fondo classifica con Concordia Schio.

Nel girone Blu, invece, proseguono la marcia appaiate in vetta Us Alvisiana e Deiron Spinea. Le veneziane, che hanno allungato così a 4 le lunghezze di vantaggio sul terzetto di inseguitrici, si sono imposte nettamente in casa rispettivamente l’una contro i trevigiani del Motta (70-52, tra i locali capitan Zavagno 21 ed i due Nicolò Vianello 18 e 14) e l’altra, sfoggiando una gran difesa, nel derby di vertice con la Bassani Fiamma (79-59). Quest’ultima è stata così raggiunta al 3° posto sia dalla Cu.ri.ss. Istrana vittoriosa nel derby trevigiano con Priula 88 (80-69) sia dal Parco Turistico Cavallino (Costa 15, Andreoni 13, capitan Toffolo – al rientro dopo un mese di stop – 12 con 4 triple, infine Di Laurenzio 10) che, pure in casa, ha superato per 76-58 Valdobbiadene. Bella e importante vittoria quella de La Fonte Buv (Salmaso 22, Lazzarin 16, Compagnin 10) per 88-84 sul Tre Ponti Silea.

I due scontri di bassa classifica “incrociati”, infine, se li sono aggiudicati rispettivamente la Revolution Castelfranco, in casa con Riviera (80-74), ed il Cittadella, mandando un quintetto in doppia cifra (Tosetto 17, Chemello 16, Gasparin 14, Corredig 11 e Beda 10) per 72-56 sul campo del Sita Paese. Vincendo, tra l’altro, queste hanno così agganciato proprio le dirette rivali nel quartetto all’ultimo posto.