PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE B FEMMINILE – GIRONE OVEST

Il torneo di Serie B femminile, dopo tre sole giornate di campionato, ha osservato la prima sosta della stagione. E’ dunque il momento di fare il primo bilancio del Girone Ovest sulla scorta delle gare disputate. Manca all’appello il match tra Sarcedo e Lupe San Martino, posticipato al primo dicembre per l’impegno di alcune “lupe” con la prima squadra di A/1 a Ragusa nell’impegno calendarizzato in contemporanea a quello della B.

Guida il girone in solitaria la Solmec Rovigo (6 punti, nella foto-copertina) che ha ottenuto tre successi su altrettante gare disputate. Le “girls” di coach Pegoraro vantano il miglior attacco (68,66 punti segnati) e la miglior difesa (44,67 punti subiti) del campionato con Chiara Turri, terza realizzatrice del girone con 15 punti di media. Al secondo posto della graduatoria troviamo la coppia Thermal Abano e Cus Padova (4 punti) con un record di due vinte ed una persa. Le universitarie sono certamente la sorpresa di inizio stagione e, dopo la sconfitta rimediata contro le rodigine nell’opening game, hanno ottenuto due larghe affermazioni contro Gattamelata e Montecchio. Le aponensi, dopo le due vittorie di misura contro Lupe e Sarcedo, sono cadute a Trento con un canestro a fil di sirena in un finale incredibile. Callegari, lunga di qualità è la miglior marcatrice del girone con una media di 17,7 punti realizzati. Sarcedo, Gattamelata, Montecchio e Belvedere (2 punti) sono il quartetto che hanno un record di una vinta e due perse, tranne Sarcedo che ne ha perso una. Le neopromosse trentine, dopo lo scotto iniziale, stanno iniziando ad ingranare e soprattutto in casa daranno molto filo da torcere a tutti. L’ala Aquilini è la miglior marcatrice della squadra con 12,3 punti di media partita. Le beriche di coach Callegaro hanno ottenuto in casa l’unica vittoria sin qui contro il Belvedere, cedendo sia a Sarcedo che a Padova contro il Cus ma sappiamo che Zanuso & Co. dovrebbero uscire alla distanza. Il Gattamelata di coach Caiolo, dopo la partenza positiva a Trento, sta facendo i conti con i numerosi infortuni che hanno ridotto le potenzialità del gruppo e le due sconfitte successive parlano chiaro. Il Basket Sarcedo, dopo la retrocessione della scorsa stagione, si ripresenta nel torneo cadetto con rinnovate ambizioni e sembra essere uno dei “competitor” più seri della Rhodigium. Dalla galassia Famila è arrivata Ajsa Sivka, ala slovena, classe 2005 che nelle prime due partite ha messo a referto 23 e 30 punti. Con Vaidanis, Cavedon e Tagliapietra le beriche sono certamente da corsa e sabato prossimo la sfida contro la Solmec toglierà parecchi dubbi al riguardo. Chiudono la graduatoria le Lupe San Martino (0 punti) di coach Tomei alla prese con una formazione fortemente ringiovanita dopo la trionfale scorsa stagione culminata con la promozione in Serie A/2. Ci vorrá sicuramente un po’ di tempo per vedere le “lupe” al massimo delle loro potenzialità. Intanto nel prossimo weekend riprende il campionato e oltre al big match tra Solmec e Sarcedo la quarta giornata di andata prevede le seguenti partite: Basket Montecchio – Gattamelata Padova, Thermal Abano – Cus Padova e Lupe San Martino – Belvedere Ravina.

PRENDIAMO A CUORE LA SALUTE DEI NOSTRI ATLETI

L’ALIMENTAZIONE NELLO SPORT : COME MIGLIORARE LA PERFORMACE

foto conferenza 28.10

Il primo appuntamento nell’ambito del “Progetto Salute” fortemente voluto dalla Rhodigium Basket asd si è tenuto venerdì 28.10.2022 presso l’Auditorium Margherita Hack del Liceo Scientifico P. Paleocapa, dove la dott.ssa Alessia Ongaro, biologa nutrizionista, con grande competenza e chiarezza espositiva ha illustrato ad una ottantina di partecipanti i concetti base che devono guidare verso un’alimentazione sana e consapevole riservando una particolare attenzione alle caratteristiche della dieta che devono seguire gli atleti.

Dopo un’ introduzione in cui la relatrice ha analizzato i fondamentali principi nutritivi ; carboidrati-proteine-grassi-vitamine -minerali , si è soffermata su alcuni concetti di fondo in primis la necessità di mantenere sempre un adeguata idratazione soprattutto nei giorni di allenamento e della competizione.

Ha poi voluto specificare chiaramente come i consigli nutrizionali di base vadano sempre contestualizzati tenendo conto del soggetto a cui si rivolgono e quindi in base al sesso, età, patologie attività fisica… e ai dati raccolti dalla Bioimpedenziometria che permettono di definire l’esatto composizione corporea analizzando ldi a quantità acqua corporea,massa magra, massa grassa, e definendo il metabolismo basale

Per rendere più chiaro il concetto la relatrice ha proiettato i dati anonimi raccolti da una delle atlete della serie B che, all’ inizio della preparazione, sono state tutte valutate con una Bioimpedenziometria e indirizzate a consigli nutrizionali personalizzati.

“Ringrazio la dott.ssa Ongaro per come è riuscita a trasferire concetti anche complessi in modo chiaro e coinvolgente – afferma la presidente Mariapaola Galasso mi ha inoltre fatto molto piacere vedere in sala l’ interesse dimostrato sia dalle famiglie che da molti atleti anche giovani presenti. Nostro obbiettivo e far crescere la società nella consapevolezza che – oggi sempre più – il miglioramento della performance richiede attenzione verso molteplici aspetti spesso non adeguatamente considerati, come alimentazione, preparazione fisica e mentale”. Prossimo appuntamento con il Poliambulatorio Equipe che presenterà un nuovo progetto di valutazione preventiva nello sport.