Home Senior Maschile Serie B, triplete veneto: Vicenza, Padova e San Vendemiano partono con il...

Serie B, triplete veneto: Vicenza, Padova e San Vendemiano partono con il successo

0
602

Tris di vittorie per le formazioni venete impegnate nel campionato di serie B nazionale. Successi esterni pesantissimi per Vicenza e la neopromossa Rucker San Vendemiano, benissimo anche Padova.

De Nicolao in entrata (foto Virtus Pd)

Antenore Energia Padova – Olginate 77-63
(21-22, 44-29, 62-48)
Antenore Energia Virtus Padova: Piazza 8 (4/7, 0/1, 0/0), De Nicolao 11 (5/6, 0/1, 1/2), Schiavon 4 (2/5, 0/1, 0/0), Ferrari 15 (6/8, 1/1, 0/0), Filippini 18 (6/10, 1/3, 3/4), Visone 0 (0/0, 0/1, 0/0), Pellicano 0 (0/0, 0/0, 0/0), Verzotto 0 (0/0, 0/0, 0/0), Motta 14 (4/5, 1/5, 3/3), Bovo 7 (2/6, 1/3, 0/0), Meneghin e Basso n.e. – All. Rubini – Ass. De Nicolao e Primon.
NP Olginate: Bartoli 20 (3/5, 3/7), Tagliabue 17 (5/8, 2/5), Caversazio 8 (1/3, 2/6), De bettin 5 (2/3, 0/1), Marinò 3 (0/0, 1/2), Delvecchio 3 (1/2, 0/1), Errera 3 (0/0, 1/1), Cusinato 2 (1/2, 0/1), Carella 2 (1/2, 0/0), Bugatti 0 (0/0, 0/0), Masocco 0 (0/0, 0/0), Stolic 0 (0/0, 0/0) – All. Meneguzzo – Ass. Perego e Fracassa

Buona la prima per l’Antenore Energia Virtus Padova che con un chiaro 77-63 piega all’esordio in campionato una NP Olginate rimasta realmente in partita per un solo quarto. Una Virtus che ha gestito bene la partita affondando i colpi nei momenti favorevoli e superando le difficoltà che si sono presentate, come le cinque triple subite dall’NP una in fila all’altra grazie alle quali gli ospiti hanno chiuso in testa di un punto il primo quarto.
L’Antenore però aveva approcciato bene al match: De Nicolao rompe il ghiaccio con i primi punti della stagione e la squadra sembra subito girare bene, ma Olginate si rimette in carreggiata e smorza l’entusiasmo della Kioene Arena con tre bombe di Bartoli aggiunte a quelle di Tagliabue ed Errera, con gli uomini di Meneguzzo bravi a raccogliere il massimo con il minimo sforzo.

Ma mira e buona sorte nel secondo quarto abbandonano i lombardi, e allora la superiorità dell’Antenore emerge. De Nicolao e Piazza sono incontenibili, mentre Ferrari e Filippini sotto canestro non sbagliano un colpo. Nelle rotazioni fa il suo esordio in B il classe ’01 Riccardo Visone, che chiuderà il match con dieci minuti di grande lavoro.
Virtus rifila quindi un parziale di 23 a 7 che strappa la partita e regala convinzione ai ragazzi di Rubini. Una spinta che prosegue anche nel terzo quarto quando con un 22-19 di parziale incrementa il vantaggio al +14. Due triple di Motta e di Piazza una dopo l’altra nel quarto periodo mandano ko Olginate, con la felicità dell’esordio che arriva anche per Cristian Verzotto, un altro gioiellino delle giovanili che debutta in Serie B.

Basket Lecco vs Rucker Sanve   60-65
(16-12, 32-32, 41-47)
Basket Lecco: Brunetti 7, Di Prampero 16, Teghini 15, Caceres 4, Cacace 2, Myers 3, Rattalino 6, Ghirlandi, Ratti ne, Molteni 7, Favalessa, Lomasto ne.
Rucker Sanve: Bloise 11, Perin 17, Vedovato 2, Malbasa 24, Rossetto, Mossi 11, Battistuzzi, Lurini ne, Durante ne, De Santi ne, Oyeh ne.

Primo quarto con qualche difficoltà nella realizzazione. Nel secondo quarto cominciamo ad essere più precisi e il vantaggio è meritato. Ottima la fase difensiva che non viene però premiata dai fischi. Lecco recupera ma la gara è apertissima e si va al riposo lungo in parità. Diciamo solo Malbasa stratosferico.
Nel terzo quarto la Rucker Sanve cerca la fuga anche grazie ad una ritrovata vena dalla lunga: va sul più 8 ma sbaglia da sotto più di una occasione per incrementare. Ma in difesa l’intensità e la concentrazione rimane alta. Nell’ ultimo parziale i bianconeri rimangono in controllo con i padroni di casa che sembrano stanchi e non più precisi al tiro. Negli ultimi 4 minuti errori da entrambe le parti ma Lecco a speso il bonus e la Rucker Sanve va in lunetta più volte. La vittoria è vicina e si concretizza: l’entusiasmo sugli spalti si scatena anche se ad onor del vero i tifosi al seguito hanno sostenuto la squadra per tutti i 40 minuti. Sembrava quasi di giocare in casa. Grande vittoria, grande prestazione e pubblico fantastico. Serata perfetta.

Reggio Emilia – Vicenza 57-65
(13-20, 25-42; 42-50)
Reggio Emilia: Maccaferri 8 (3/9, 2/4), Canelo 10 (5/12, 0/4), Crusca (0/5, 0/3), Gatto 0 (0/4, 0/1), Germani 17 (8/10, 1/1); Zampogna 3 (0/4, 0/3), Graziani 5 (2/4, 0/1), Bertocco 10 (3/6, 0/1), Campori 2 (1/5, 0/2), Garofoli e Caiti NE. All. Eliantonio.
Vicenza: Demartini 12 (5/11, 2/4), Quartieri 14 (6/11, 2/5), Montanari 8 (2/5, 2/4), Campiello A. 12 (5/10, 2/3), Corral 8 (2/13, 1/3); Conte 3 (1/7, 0/3), Contrino 2 (1/2), Campiello U., Crosato 6 (3/5, 0/1), Rigon P. e Kedzo NE.

Inizia con un successo il campionato della Tramarossa Vicenza: come un anno fa, i biancorossi escono vittoriosi dal PalaBigi di Reggio Emilia con il punteggio di 57-65. Berici in controllo sin da subito e bravi a reggere l’urto del tentativo di rimonta reggiano nel corso del secondo tempo. Sugli scudi Quartieri, autore di 14 punti, e doppia cifra anche per Andrea Campiello e Demartini con 12. Subito novità per Vicenza rispetto al precampionato, con Montanari in quintetto e Crosato in panchina. Andrea Campiello segna il primo canestro della stagione, seguito subito da una tripla di Demartini. Reggio in avvio ha le polveri bagnate: i biancorossi ne approfittano e colpiscono, volando avanti 11-0 con altre due bombe, ancora di Demartini e di Montanari. Gli ospiti si sbloccano con un canestro di Canelo, ma è ancora Vicenza a tenere il pallino del gioco in mano, tornando ancora una volta avanti in doppia cifra con una penetrazione di Demartini.

Nella seconda frazione, si sbloccano Quartieri e Crosato, ai primi canestri ufficiali con la maglia di Vicenza. I reggiani non riescono a controbattere alle accelerazioni in transizione della Tramarossa e il distacco continua ad incrementare, fino a quando un altro contropiede finalizzato da Quartieri vale addirittura il “doppiaggio” (15-31). Ad un ottimo attacco la formazione vicentina abbina una buona difesa, che costringe i padroni di casa a tanti errori e palle perse, spesso tradotte in punti a favore degli ospiti. Reggio Emilia si affida alla voglia del capitano Germani, ma nel primo tempo è l’unica boa ad opporsi alla mareggiata biancorossa, che arriva al culmine quando Corral, con una bomba, manda il primo tempo negli annali sul punteggio di 25-42.

14 punti per Quartieri, che nel finale ha siglato i punti decisivi per chiudere la sfida. La ripresa, come prevedibile, vede Reggio Emilia decisa a tentare la rimonta. Vicenza fatica un po’ in attacco, ma continua a lottare, trovando rimbalzi preziosi in attacco e punti importanti quando Andrea segna dalla distanza in un momento di leggera apnea. A suonare la carica per i padroni di casa è Bertocco, che assieme a Maccaferri e Canelo avvia il tentativo di rimonta. La Tramarossa fatica non poco a trovare punti in attacco e chiude la frazione con appena 8 segnature a referto, subendo la difesa aggressiva dei padroni di casa.

Al ritorno in campo per l’ultimo quarto Vicenza è tornata cattiva in difesa e cinica in attacco, desiderosa di chiudere la contesa. Il distacco in questo modo fa l’elastico: Graziani segna quattro punti in fila, Montanari risponde con una tripla per il nuovo +10, il solito Germani si continua a segnare e tiene a galla la formazione reggiana. Coach Venezia chiama timeout a metà dell’ultimo quarto e al rientro dopo il break è Quartieri a prendersi in carico l’onere di chiudere la sfida, con cinque punti consecutivi che ricacciano per l’ennesima volta la BMR a -12. Gli ultimi assalti dei padroni di casa, affidati a Canelo, rendono solo meno pesante il passivo: nel finale i reggiani si affidano al fallo su Montanari, ma il numero 9 dalla lunetta è preciso e chiude la sfida sul 57-65.

Una buona prestazione dei biancorossi all’esordio, in cui una buona difesa ha permesso di tenere a bada gli ardori di una squadra giovane come quella di Reggio Emilia. Offensivamente, la vittoria è stata propiziata da un primo tempo offensivamente implacabile, mentre forse nella ripresa è mancata un po’ di cattiveria per chiudere la partita prima. In generale comunque un successo che deve essere di buon auspicio per la Tramarossa. Dopo aver ricaricato le pile però, bisognerà tornare subito al lavoro: domenica si gioca la centesima partita in serie B della Tramarossa e di Andrea Campiello con la maglia vicentina in categoria. Servirà la stessa cattiveria di oggi per festeggiare l’esordio casalingo con una vittoria.